Vincent Van Gogh: un nuovo disegno è stato scoperto!

Vincent Van Gogh: un nuovo disegno è stato scoperto!

“La collina di Montmartre con una cava”, risalente al marzo 1886, periodo in cui l’artista ha studiato ad Anversa.
La scoperta è stata confermata dopo una vasta ricerca condotta dal Van Gogh Museum sull’argomento, lo stile, la tecnica, i materiali e la provenienza.

Un nuovo disegno di Van Gogh (Zundert, 1853 – Auvers-sur-Oise, 1890) è stato presentato questo martedì in Olanda. Intitolato “La collina di Montmartre con una cava” e datato del 1886, risale al periodo in cui l’artista ha studiato ad Anversa. Anche se non è un lavoro preparatorio per un dipinto a olio successivo, ricorda la tela “La collina di Montmartre e la cava di pietra”, dipinta lo stesso anno e di proprietà del museo Vincent Van Gogh di Amsterdam. I suoi esperti hanno confermato la paternità e una felice coincidenza: “Grazie alla nuova illustrazione, un altro disegno precedentemente rifiutato può essere attribuito anche a Vincent. Questa è la collina di Montmartre, che è nella nostra collezione e la cui somiglianza è incontestabile. ”

Axel Rüger, direttore del Van Gogh Museum, è stato contento di queste parole di entrambi i risultati, certificate dai loro esperti: “È una notizia fantastica che due disegni possano essere aggiunti definitivamente all’opera di Van Gogh”.

Ma la presentazione ufficiale si è svolta al Singer Museum di Laren. Dedicato a preservare la collezione dell’artista americano William Henry Singer (1868-1943) e di sua moglie, che ha incluso due immagini in una mostra dedicata all’ impressionismo, post-impressionismo e l’espressionismo. “Sono della stessa mano, e il loro stile ricorda quelli fatti all’inizio del 1886, iniziati ad Anversa e conclusi a Parigi. Sono gli stessi materiali e temi, e mostrano la fase in cui Van Gogh stesso si riconnette, anche se ancora una linea artistica tradizionale “, secondo Teio Meedendorp, ricercatore principale per il Van Gogh Museum.
Teio Meedendorp, ricercatore senior al Van Gogh Museum: “I due disegni sono chiaramente della stessa mano e stilisticamente, ricordano i disegni del modello di Van Gogh dei primi anni del 1886, che inizialmente creò ad Anversa e successivamente a Parigi, nello studio di Cormon. Anche i materiali utilizzati sono identici e i soggetti possono essere collegati a dipinti creati da Van Gogh a Montmartre in primavera e all’inizio dell’estate. All’interno dell’opera disegnata da Van Gogh, queste due opere sorprendenti illustrano giustamente come l’artista stesse ancora cercando il proprio stile nel periodo inverno / primavera del 1886. Dimostrano una fase del processo di apprendimento di Van Gogh a Parigi, si è riscoperto, ma qui, stava ancora seguendo il tradizionale percorso artistico “. Il lavoro al Van Gogh Museum è stato precedentemente respinto, in parte a causa della mancanza di materiale per il confronto; la connessione con gli studi prodotti nello studio di Cormon non fu fatta, in quanto l’ipotesi generale era che fu solo nell’autunno del 1886 che Van Gogh visitò il suo studio.

Van Gogh ha eseguito più di 900 disegni, oltre a cinque quaderni di schizzi, dal 1970 sono stati scoperti solo nove su catalogo, così come sette dipinti. “La collina di Montmartre con una cava” ora presentata era nelle mani di studiosi dal 2013. Il museo della capitale olandese afferma che faceva parte della collezione di Theo van Gogh, il fratello dell’artista.

I ricercatori che hanno rintracciato questo disegno dicono che è stato acquistato per ultimo da John Fentener van Vlissingen, uno dei più potenti imprenditori dei Paesi Bassi. Dedicato al settore turistico, appartiene ufficialmente alla sua fondazione artistica. La vedova di Theo, Johanna van Gogh-Bonger, consegnò il lavoro al mercante d’arte J. H. de Bois ad Haarlem nel 1911. Questi vendette l’opera nel 1917 circa, dopodiché scomparve di vista. Questo accadeva 11 anni prima che venisse pubblicato il primo catalogo dell’opera di Van Gogh (De la Faille, 1928). Il disegno non è mai stato esposto o incluso in una pubblicazione.

Montmartre appare ricorrentemente nel lavoro dei pittori che trasformarono l’area in un centro artistico alla fine del 19 ° secolo. La collina parigina con il ristorante Le Moulin de la Galette e stata ben frequentata e ha attirato nomi come Renoir, Toulouse-Lautrec, Picasso, Ramón Casas e Van Gogh. Il mulino a vento in questione è monumento storico dal 1939.

Il Van Gogh Museum ospita oltre la metà dell’opera completa di Van Gogh – circa 500 disegni e gli album di schizzi. Un nuovo disegno di Van Gogh è stato scoperto l’ultima volta nel 2012, il primo disegno a matita del 1880, da una copia di un esempio usato nel corso di disegno di Charles Bargue.

FOTO:
1 Vincent van Gogh, La collina di Montmartre con una cava,(1886; carboncino su carta; Zeist, Van Vlissingen Art Foundation)
2 La collina di Montmartre e la cava di pietra,dipinto a olio.
3 Vincent Van Gogh, La collina di Montmartre, 1886.(1886; carboncino su carta, 31,8 x 47,8 cm; Amsterdam, Van Gogh Museum)

testo © 2018 – Gino Di Grazia -Copyright 2018. All Rights Reserved.